Home page
martedì 19 novembre 2019  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page  Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti  Contattaci 
Home page


Torna alla home page > Don Clemente Maria Rebora > La Vita > Clemente Rebora - Cenni Biografici 4

Clemente Rebora - Cenni Biografici 4
(1931 - 1957)

Clemente Maria Rebora
Cenni Biografici

Estratto da: C. Rebora, Il Segreto di A. Rosmini, a cura di C. Giovannini

1933-1936

Studente di teologia al Sacro Monte Calvario di Domodossola, e per due anni anche aiuto-infermiere.

1933 - 13 maggio

Calvario di Domodossola: voti triennali.

1932, Sacro Monte Calvario di Domodossola: Rebora con i giovani del Circolo Santa Croce
 
1936, Settembre, Sacro Monte Calvario:
ricordo della prima S. Messa

1936 - 20 giugno

Stresa: voti perpetui.

Dalla perfetta Regola ordinato,
l’ossa slogate trovaron lor posto:
scoprì l’intelligenza il primo dono:
come luce per l’occhio operò il Verbo,
quasi aria al respiro il Suo perdono:
Gesù Amore in me fu gravidanza.

20 settembre

Calvario di Domodossola: prima Messa (discorso di padre Bozzetti).

            ASPIRAZIONI

Ogni atomo di me stesso,
ogni attimo che mi è concesso,
sia amore del tuo Cuore,
riconoscenza e lode del tuo Nome,
tua vittoria e tua gloria,
o mio Dio, mio Signore,
Gesù nell’effusione del tuo Sangue.
O Vergine Maria, Mamma mia,
io pongo in tua custodia e in tua virtù
il sacerdozio che mi dà Gesù.

 

1936-1938

Dopo l’ordinazione sacerdotale, sempre al Calvario di Domodossola, è prefetto degli Scolastici, ossia dei religiosi professi studenti.

1938-1943

Direttore spirituale al Collegio Mellerio-Rosmini di Domodossola. Nel settembre del 1943 emette i voti di coadiutore spirituale dell’Istituto.

1943-1944

Direttore spirituale all’Istituto Rosmini di Torino. A Torino Rebora non giunse perché trattenuto nell’Ossola dagli eventi bellici.

1945-1953

È destinato come «prete assistente» e confessore degli aspiranti alla Casa natale di Rosmini a Rovereto. È questo il periodo più intenso del suo ministero sacerdotale: ricercato come confessore, direttore spirituale, predicatore, svolge un grande apostolato in umiltà e dedizione senza limiti, nel Trentino e altrove.

1948: Rebora a Rovereto
 1951

Padre Giovanni Pusineri chiama Rebora a collaborare a «Charitas».

1952 - 16 dicembre

Stresa. il primo malore (emorragia cerebrale).

1956 Stresa: il dolce sorriso di Don Clemente infermo

1953-1955

Direttore spirituale al Collegio Rosmini di Stresa. Nel 1954 per qualche mese presta la sua delicata opera di assistenza spirituale in una casa di riabilitazione (del clero) a Firenze. Dall’ottobre 1955, infermo a letto a Stresa. Continua tuttavia la sua opera di aiuto, conforto e direzione spirituale ai molti che lo ricercano e lo visitano; e la impreziosisce soprattutto con la sua totale «immolazione» a Dio.

 

1954 - 4 aprile

L’Accademia degli Agiati di Rovereto lo nomina socio.

1955 - 16 marzo

Durante la notte, secondo malore.

2 ottobre - 1956

Terzo e più grave colpo: 25 mesi d’infermità.

7 ottobre - 1957

Gli viene assegnato il premio «Cittadella».

1957 - 1 novembre

Santa morte

Stresa 1957: l’ultima S. Messa celebrata
da don Clemente 
 
Stresa, Collegio Rosmini, Santuario del SS. Crocidisso:
la tomba di don Clemente Maria Rebora
 


Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente
  
 
 
    Padri Rosminiani
  Gestione sito

  Corso Umberto I, 15
  28838 Stresa (VB)
  Tel. 0323 30 091
  Fax 0323 31 623
  info@rosmini.it
  P.I. e C.F. 81000230037
www.rosmini.it - Antonio Rosmini - P.I. e C.F. 81000230037 - Ver. 1.0 - Copyright © 2019 www.rosmini.it - Disclaimer trattamento dati personali - Powered by Soluzione-web