Directorium spiritus

 
AntonioRosmini Serbati
Directorium spiritus 
 
 

Durantegli anni che vanno dal 1821 al 1826 Rosmini entrò in corrispondenza con lasanta marchesa Maddalena di Canossa in risposta ad un’idea di quest’ultima chedesiderava veder dar vita ad un ramo maschile analogo a quello delle sue Figliedella Carità. Il progetto non andò in porto, ma l’idea attecchì profondamentenel cuore di Rosmini e alcuni anni dopo lo portò a fondare una congregazionereligiosa maschile: l’Istituto della Carità, oggi comunemente conosciuto come“Padri Rosminiani”.
Nelfrattempo Rosmini raccolse un’enorme quantità di materiale, che in parte verràutilizzato nelle Costituzioni dell’Istituto della Carità, e che, tuttorainedito, risulta prezioso per la ricostruzione delle fonti e delle ideeportanti della spiritualità dell’Istituto.
Il manoscritto, da lui intitolato «Directorium spiritus» èstrutturato in tre volumi, ciascuno contenente un indice degli argomentitrattati. Il primo si compone di ben 95 titoli concernenti tematiche di asceticae di vita religiosa, con la descrizione delle linee di fondo checaratterizzeranno l’Istituto della Carità; il secondo, che consta di 102 titolicon temi specifici di spiritualità, fra i quali spicca una consistente «lezionesull’orazione mentale», si apre con l’abbozzo di una ascetica per i religiosi(Asceseos pro religiosis liber); il terzo ha 84 titoli, nei quali si continuanole riflessioni precedentemente esposte. Il secondo libro ha come esergo unafrase tratta dal De divinis nominibus di Dionigi l’Areopagita: «È bene per l’animavivere secondo ragione» (P. IV, lect. 22), mentre il secondo ha due versettidel libro dei Proverbi: «Viene la superbia, verrà anche l’obbrobrio, mentre lasaggezza è presso gli umili» (Pr 11,2) e «La via del Signore è una fortezza perl’uomo retto, mentre è una rovina per i malfattori» (Pr 11,29). / Così si presenta il frontespizio del primo volume:

Passione di Gesù Cristo
+
Milano, ai primi di agosto
dell’anno del Signore 1826

Ammonimenti di pietà o
fondamenti delle Costituzioni

Segui nudo, Cristo nudo
Lettera di S. Girolamo a Rustico

A Dio Uno e Trino e a Cristo crocifisso,
alla Beata Maria Addolorata, al Beato Michele Arcangelo, a S. Giovanni Battista, ai Santi Apostoli Pietro e Paolo e a Tutti i Santi. 

Ilsecondo volume porta la data: Milano, 5 dicembre 1827 e verso la fine del terzovolume è riportata la data: 14 gennaio 1834.
Quantoalle fonti, bisogna notare che spesso Rosmini fa riferimento a raccoltedi testi compilate da altri Autori, come ad esempio Lukas Holste, Bartolomeo deMartyribus e Louis Thomassin. Egli conosce direttamente e di prima mano autorispirituali di notevole rilievo quali ad esempio S. Francesco di Sales, S.Alfonso de’ Liguori, S. Tommaso d’Aquino, S. Agostino, S. Teresa d’Avila,Tommaso da Kempis e soprattutto S. Ignazio di Loyola, che verrà definito«santissimo e gloriosissimo patriarca», né va dimenticato l’influsso esercitatosulla spiritualità rosminiana dai due fondatori con cui era a contattoepistolare: Maddalena di Canossa e Gaspare Bertoni.
Quanto aicontenuti di questo ponderoso canovaccio, il lettore va avvertito circa ladifficoltà di orientarsi nel labirinto delle tematiche e delle abbondanticitazioni. Ci sembra tuttavia che una chiave di lettura, plausibile, attraversola quale mettere in luce l’originalità della spiritualità rosminiana, possasenz’altro ricavarsi dall’espressione dello Pseudo Dionigi posta come esergo alII volume del Directorium: «il bene dell’anima è vivere [esse] secondoragione». La vita spirituale in genere e quella religiosa in particolare altronon sono che l’espressione più alta di questo vivere secondo ragione.L’ascetica, infatti, consiste in ultima analisi nel tentativo di percorrere,con l’aiuto della grazia, le tappe di un cammino interiore con una suaintrinseca razionalità, che il peccato tende ad offuscare.

Per una presentazione più esaustiva, puoi scaricare il seguente testo:

Scarica i files del “Directorium Spiritus”

 Directorium Spiritus

Vol. I


«Segui nudo Cristo nudo»
San Girolamo,
Lettera a Rustico, 125,20 
 Directorium Spiritus

Vol. II

«È bene per l’anima vivere
secondo ragione
»

Dionigi Areopagita,
I Nomi divini, p. IV, lez. 22


 Directorium Spiritus

Vol. III

«La saggezza è presso
gli umili
» (Pr11,2)


«La via del Signore è una
fortezza per l’uomo semplice
»
(Pr 11,29)






 

Copyright © 2021 www.rosmini.it